Châlons sur Marne, 1971, inverno.

Caserma della Scuola di Applicazione di Artiglieria.

All’assegnazione mattutina delle corvé, il soldato di seconda classe Tizio (Matricola 14672/1, ben noto ai nostri reparti) si offre sistematicamente volontario per la corvé meno popolare, più ingrata, assegnata spesso a titolo di punizione, vero oltraggio agli onori più temprati: la leggendaria, infamante, innominabile corvé delle latrine. Tutte le mattine. Con lo stesso sorriso. (Interiore.) “Corvé delle latrine?” Fa un passo avanti: “Tizio!” Con la gravita estrema che precede l’assalto, egli afferra lo spazzolone da cui pende lo strofinaccio come se si trattasse dell’insegna della compagnia, e scompare, con gran sollievo della truppa. È un coraggioso: nessuno lo segue. L’intera armata rimane trincerata al sicuro fra le corvé rispettabili. Le ore passano. È dato per perso. È quasi dimenticato. È dimenticato. Ma a fine mattina riappare, battendo i tacchi per il rapporto al maresciallo della compagnia: “Latrine im-peccabili, mio signor maresciallo!” Il maresciallo recupera spazzolone e straccio con negli occhi un interrogativo profondo che non formula mai. (Rispetto umano impedisce.) Il soldato saluta, fa mezzo giro e si ritira, portando con se il suo segreto. Il segreto pesa un bel po’ nella tasca destra della tuta mimetica: 2900 pagine del volume che la Pleiade dedica alle opere complete di Nicolas Gogol’. Un quarto d’ora di strofinaccio per una mattinata di Gogol’… Ogni mattina da due mesi di inverno, comodamente seduto sul trono nella ritirata chiusa a doppia mandata, il soldato Tizio vola ben al di sopra delle contingenze militari. Tutto Gogol’! Dalle nostalgiche Veglie, agli esilaranti Racconti di Pietroburgo, passando per il terribile Tarns Bul’ba, e il riso nero delle Anime morte, senza dimenticare il teatro e la corrispondenza di Gogol’, quell’incredibile Tartufo. Perche Gogol’ è come un Moliere inventato da Tartufo – cosa che il soldato Tizio non avrebbe mai capito se avesse passato ad altri quella corvé. L’esercito ama celebrare i fatti d’armi. Di questo non restano che due alessandrini, incisi molto in alto sulla ghisa di uno sciacquone e che sono da considerarsi fra i più eccelsi della poesia francese: Non mento se dico, sedete, maestrine,che tutto Gogol’ io lessi nelle latrine (Dal canto suo, il vecchio Clemenceau, “il Tigre”, famoso soldato anche lui, era grato a una cronica stitichezza senza la quale, affermava, non avrebbe mai avuto la fortuna di leggere le Memorie di Saint-Simon.)

Daniel Pennac – Come un romanzo – Feltrinelli Editore

Annunci

Una Risposta to “Châlons sur Marne, 1971, inverno.”

  1. Le fiabe, la play, i ftalati e i bimbi… « L’Eco Blog Decrescente a tutto G.a.s. di Arcano Sobrio Equo Felice Bio Pennazzi Says:

    […] vi riconsiglio anche di leggere “Come un romanzo” del signor Daniel Pennac, il mio papà dice che si impara moltissimo da questo piccolo e […]


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: