Ci vuole un’altra vita!

http://www.youtube.com/watch?v=l3lyQB9pSTA

Prendo in prestito le parole del Maestro Franco Battiato per giocare a metter insieme immagini e pensieri. Mi son dato pochi minuti per farlo, era un gioco, spero di non esser stato blasfemo. Non era mia intenzione asservire la Musica alle immagini, ascoltatela ad occhi chiusi che è meglio!

Il fatto è che abbiamo le risposte! Circolano Movimenti che hanno la risposta al cambiamento che vogliamo, all’altra vita che ci attende! Non si delega, si fa! Hai capito!!? Non sei solo tu che ti spulci o ti tocchi in un angolino e ti metti via il tuo gruzzoletto. Partecipi, condividi, fai rete, hai amici! Se lo capisci alla svelta il tuo vicino non è più il pezzo di facocero ruba ghiande a tradimento da insultare ma il tuo condivisore d’intenti! Perché la differenza è tutta lì, nello scegliere la cura, ad ognuno la sua misura e non è detto che per ognuno sia la stessa. La cura comincia già per metà a farti effetto se sei convinto che funzioni. Ogni cura che rispetta l’uomo e non lo inquina o schiavizza è rispettabile, ci sono tante strade, ancor più percorsi ed il bello è che non esiste l’arrivo!

Cosa siamo a fare da ste parti se non per darci una vicendevole mano? Non siamo tutti nello stesso incredibile gioco? Destra, sinistra, centro… basta!

Sconfitto il re, ci s’è messa ogni casta a frapporsi tra l’uomo e la sua felicità. Abbiamo provato anche il sogno della crescita del PIL ad ogni costo, ma dopo nemmeno due secoli è finito il petrolio e con lui la società dell’homo scemens. Estintosi perché era tutto suo, perché senza luce, senza guerra, senza nozioni per sfamarsi, senza benza nel Cayenne, in mezzo ad uno strano mondo abitato da piante, insetti, animali, fiori, e frutta. Da prima aveva provato a riprodursi ingollando tutto il viagra che gli era rimasto in tasca, poi aveva tirato pure una pippata dietro l’altra con le ultime scorte di coca, ma la tribù delle donne dalle sisine all’insù senza silicone aveva sviluppato un nuova mappatura genetica e non poteva essere fecondata da questi scempi della natura. Fu il tempo delle Madri, dei Padri e dei Figli che finalmente scoprirono il nuovo mondo che non è dall’altra parte dell’oceano, ma proprio sotto i loro piedi. Dentro la loro terra. E come in ogni buona favola che si racconti, vissero tutti felici e contenti!

 

FINE

 

Col bio razzo alla vaniglia! E’ solo l’inizio…

Tu non lo vedi? Hai ragione, alla tv non hanno detto niente… le casalinghe di Voghera hanno sempre meno soldi per fare la spesa, questo l’ho sentito anch’io! Governo che va’, governo che viene se la giocano sempre questa…

Aspetta domani che se ti sei perso qualche pezzo ti dico quel che stiamo facendo costruendo dal basso!

 

Annunci

2 Risposte to “Ci vuole un’altra vita!”

  1. Beppone Says:

    Homo scemens è bellissimo… penso che me lo farò tatuare sulla spalla sinistra, anzi destra, ma anche no… 🙂

  2. Tibet, devo dire la mia? Preferisco farla! « L’Eco Blog Decrescente a tutto G.a.s. di Arcano Sobrio Equo Felice Bio Pennazzi Says:

    […] Spesso non ci riesco ma cerco di costruire i miei spazi di felicità condivisibile e di viverla. Ci vuole un’altra testa che costruisca un’altra vita! […]


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: