Adriano e Giuseppe, uno la canta l’altro gliela risponde…

http://it.youtube.com/watch?v=scv-IicVI0I

 

http://www.beppegrillo.it/2008/03/2001_odissea_ne.html

Anno 2000: i Comuni possono spendere i soldi delle licenze edilizie SOLO a fronte di investimenti.
Anno 2001, ottobre: i Comuni sono autorizzati a spendere i soldi delle licenze edilizie per fare quello che gli pare, grazie al nuovo Testo Unico sull’edilizia.
Arriva il boom edilizio.
Anno 2000: 159.000 abitazioni costruite.
Anno 2007: 298.000 abitazioni costruite e 38.000 ampliamenti di abitazioni.
Le licenze raddoppiano in 7 anni, il territorio italiano viene cementificato da palazzine, nano grattacieli, hangar, seconde, terze, quarte ville, parcheggi, garage. I Comuni raddoppiano gli incassi senza alcun obbligo di destinazione d’uso. Hanno la licenza di uccidere il territorio.
Il territorio comunale, lo dice la parola stessa, è patrimonio “comune” dei cittadini che lo abitano. Appartiene a loro. Il bosco, il prato, la vista panoramica, un posto per passeggiare o far giocare i propri figli, il parco, i giardini o, anche, un semplice spazio vuoto per vedere l’orizzonte. Chiarito che il territorio è dei cittadini e non del sindaco fasciato a festa e dei suoi assessori che sono SOLO dipendenti comunali facciamoci qualche domanda.
Dove sono finiti i soldi delle licenze edilizie concesse senza più l’obbligo di investimento? Nuovi servizi, asili, piste ciclabili, trasporti pubblici non si sono visti. Farei un’indagine, Comune per Comune.
Quanto ancora si può cementificare il paesaggio italiano? Si può solo tornare indietro, decementificare. Il turismo sta morendo di cemento.
Quali sono le maggiori imprese edili che hanno ottenuto le licenze? I costruttori comandano ormai più del sindaco Moratti e del sindaco Topo Gigio, devono uscire dai consigli comunali. Sono lì, anche se non sono stati eletti.
Il processo infernale messo in moto dal Testo Unico del 2001 va fermato. Bisogna riportare le lancette al 2000. Meno cemento, meno soldi per i partiti, i veri padroni dei Comuni. I cittadini devono presentarsi in consiglio comunale per chiedere i motivi dello scempio edilizio e documentare l’incontro con una telecamera.
Il Bel Paese è nostro, riprendiamocelo.

**********

Uno la canta e l’altro gliela risponde. Io m’avventuro in un aggiornamento del testo:

Passano gli anni ma trentacinque son lunghi, però quel ragazzo ne ha fatta di strada, ma non si scorda la sua prima casa, ora coi soldi lui puo’ comperarne tre o quattro, torna e non trova gli amici che aveva, solo case su case, catrame e cemento, sempre più in aumento… Lo so, lo so, perché, continuano, a costruire le case, e non lasciano l’erba, non lasciano l’erba… Oh oh ja ja oh oh… Non lasciano l’erba, non venderei i dischi… E’ tutta una catena, la crescita… oh oh ja ja oh oh… è la grande balla, della felicità, del lavoro, del di più, della ricchezza, compreremo anche l’ossigeno, tanto siamo ricchi… Oh oh ja ja oh oh… Ma affrettiamoci ad inventarne la ricetta chimica, perché senza piante… restiamo senza ossigeno… Oh oh ja jaoh oh… Forse quel ragazzo, poteva, avere un sogno diverso, che non fossero i soldi… Oh oh ja ja oh oh… Visto che continuiamo a costruire e crescere solo per i soldi e l’egoismo… E’ una storia vecchia come il mondo… E non la capiamo, e allora estinguiamoci… cantando in allegria! E’ sempre meglio che essere tristi… Oh oh ja ja oh oh… E andiamo avanti così!Presto finira… Oh oh ja ja oh oh…  

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: