MANIFESTAZIONE ROMA 29 OTTOBRE, scontri: la testimonianza diretta di Curzio Maltese

29 ottobre 2008, scontri in Piazza Navona: secondo la testimonianza diretta di Curzio Maltese “gli incidenti sono stati provocati ad arte” da provocatori “ignorati dalla polizia”, la quale “ha sistematicamente manganellato gli studenti senza armi e ignorato gli altri”. Sempre secondo Maltese, i violenti “non erano ragazzi e si muovevano come un gruppo abituato a fare queste cose”. Tratto da Repubblica.it Fino a qui parla un giornalista.

Ora la parola ad un blogger:

Non sono nella condizione di dire che sia assolutamente vero ciò che si vede riguardo il poliziotto infiltrato, ma una cosa è certa: lo scherzo, italica burla, continua! E per alcuni ha il sapore del manganello…

Annunci

5 Risposte to “MANIFESTAZIONE ROMA 29 OTTOBRE, scontri: la testimonianza diretta di Curzio Maltese”

  1. Sundance Kyd Says:

    Ne ho parlato nel mio blog. A Curzio Maltese dico: basta con le battutine, vediamo di parlare seriamente, con tutta la gravità che il momento richiede. Denunciamo in modo serio e circostanziato, senza ambiguità pro domo nostra (giusto per lasciarci vie di fuga), ciò che accade – che di per sé è grave.
    SK

  2. Sara Says:

    Il video dello sbirro infiltrato è stato stranamente rimosso da youtube…stamattina era visibile, tanto che l’ho postato su facebook nella mia pagina personale e nel gruppo di solidarietà “Yassir libero subito”… ora non c’è più….

  3. michele Says:

    ragazzi non lo so…
    ho visto il video messo in rete dal blocco studentesco.
    vi consiglio di guardarlo

  4. Michele Nista Says:

    X chi di piu’ conta nella City e a Wall Street, siamo ormai, UFFICIALMENTE, alla “dittaturina”
    ~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~
    Mi sta’ colpendo tantissimo il divario tra btp e bund, giunto a 119 punti, ma, per me, potenzialmente raggiungente punti 145, “tra un po’”. Ne ho parlato con alcuni dirigenti ( due o tre) di primare banche d’investimento qui a Londra, ( tra l’altro, tra quelle meglio uscite dal’uragano di qs ultimi 15 mesi), che ben conosco perche’ miei ex clienti ( e per qs, a me, in qs casi, rispondenti) Tutti mi han dato, piu’ o meno la stessa spiegazione della cosa, spiegazione, che trovo, letteralmente da brividi: DEMOCRACY ISSUES. L’Italia e’ ormai definita UFFICIALMENTE una “non piu’ democrazia”. Forse una “dittaturina, per il momento”, ma comunque, assolutamente, non piu’ una vera democrazia, anzi, non piu’ una democrazia. FULL STOP.. Il vaso lo han fatto traboccare di certo le foto eloquenti del Corriere della Sera ( che Berlusconi voleva nazistare nel 2005, never forget, i repeat, never forget, pls) delle “guerrina civile” di Piazza Navona, come di quelle sprangate alle gambe, violentissime, tirate a uno studente inerme, per terra, a Milano, da un poliziotto di certo, per me, “passionated” per il “sudamerica di fine anni 70”. Ma ancor piu’ le posizioni antiecologiste egoistissime di Silvio Berlusconi, schifate tantissimo anche a un premier, di “non poco leggera” destra ( ma democratica, a differenza che in Italia) come Nikolas Sarkozy, o di destra ” mitigata” come nel caso di Angela Merkel. Uno di Merril Lynch mi ha detto che han fatto anche molto scalpore le idee neoXuxluxclaniste proApartheid, “bianchi di qua, neri di la” di Roberto Cota, ma per me, sotto sotto, ancor di piu’, di tanti fig.etti ma..f..ascisti Berluscones. Ma per un sales di Goldman Sachs, quello che piu’ si trova vomitevole, invece, e’ il tentativo di Slvio Berlusconi di annientare completamente la democrazia in Italia, abolendo l’esercizio delle preferenze in vista delle Europee. Io dico che se Silvio Berlusconi non viene tirato giu ( how? grandi obbiettivi necessitano grandissimi sforzi, questo da sempre), nel 2011/2012 avremo i primi casi di “desaparecidos all’Argentina”, tra Arcore e Corleone, con lui, il tutto ordinante, dalla sua nuova capitale d’Italia di Arco..r..leone stessa. Fin’ora, in qs tipo di ” visions” mai mi errai, spero che cio’ potra’ accadere ora, ma temo, che con lui a continuare a nazicamorristare cosi’, e con l’opposizione alla camomilla di Walter Veltroni e Goffredo Bettini……… Meno male che Massimo D’Alema sta’ decidendo di tornare a essere quello del 96, unico, insieme ad Antonio Di Pietro, a parlare di cio’ di cui finalmente bisogna iniziare a parlare: “ANTIDEMOCRAZIA E DITTATURA”….


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: