Per chi suona la banana di Marco Travaglio

Marco Travaglio alla Vecchia Stazione di Forlì presenta “Per chi suona la banana, il suicidio dell’Unione Brancaleone e l’eterno ritorno di Al Tappone.
Racconto in un diario quotidiano i dodici mesi finali dellUnione Brancaleone e i primi sei del Berlusconi III (dal marzo del 2007 al settembre del 2008).

Consiglio la visione di tutte e nove le parti, in particolare della seconda che dovrebbe essere mandata in onda all’ora di cena a reti unificate.

Annunci

Berlusconi sta dividendo Di Pietro da Veltroni per scegliersi un’opposizione ancora più materasso.

Da DannyCollaterali un’ interessante analisi sulla strategia del PDL di zio Silvio Belbusconi per dividere IDV di Tonino Di Pietro da PD di Topo Gigio Veltroni.

Divide et Impera, dividi e comanda è questo l’obiettivo di Berlusconi, separare l’Italia dei Valori dal Partito Democratico e contemporaneamente indebolire la leadership di Veltroni nel PD, in modo che il PD passi in mano a qualcuno più vicino alle sue idee, come Inciucio D’Alema e Pizzino Latorre o simili. In questo modo potrebbe far approvare con maggioranza dei 2/3 del parlamento la riforma costituzionale della giustizia, senza dover ricorrere al referendum confermativo, dando il colpo di grazia ad una già agonizzante giustizia e mettere in pratica uno degli ultimi punti del piano della P2 mancanti.

Emblematica questa puntata di Porta a Porta sul voto in Abruzzo(affluenza 52,98%, Gianni Chiodi 48,81% – Carlo Costantini 42,67%) in cui si tenta in tutti i modi di creare contrasti tra IDV e PD. Cominciamo col notare la “bellissima” foto, che ha in primo piano Berlusconi anche se ad aver vinto le elezioni in Abbruzzo è stato Chiodi, il Titolo poi è geniale, “Successo del PDL su Di Pietro giù il PD”, ma il candidato era Costantini e non Di Pietro non era più corretto scrivere, successo di Chiodi Su Costantini oppure del PDL sul centrosinistra?

Gli ospiti sono Di Pietro per il centrosinistra e La Russa per il centrodestra, poi ci sono due giornalisti, Maurizio Belpietro direttore di Panorama, definito da Quagliariello (PDL) La nostra Stampa http://it.youtube.com/watch?v=-ixG80N…
e Massimo Franco, Corriere della Sera che tra sogghigni e strizzatine d’occhio, critica anche lui Di Pietro e PD. Quindi in 3 contro 1, se ci mettiamo pure Vespa, facciamo 4 contro 1.

Non è che tutti questi arresti nel PD, arrivati tutti insieme sono un messaggio per suggerire al PD di votare la riforma costituzionale della giustizia così si mettono al riparo anche loro?

Secondo voi Vespa farà anche un’intera puntata sul processo Mills e sulla nuova invenzione dell’avvocato di Berlusconi, Ghedini, che per salvare Mills, salverà altre migliaia di delinquenti, allungando i processi e facendo giungere la prescrizione?
http://it.youtube.com/watch?v=hyC94jc…

Disclaimer:
Non si intende violare alcun diritto, questo video contenente alcuni estratti della Trasmissione Porta a Porta è pubblicato solo per diritto di cronaca non a fini commerciali o di lucro.

Tutti i diritti riservati:
RAI
http://www.rai.tv

DI PIETRO REPLICA A BERLUSCONI DOPO DENUNCIA 19-11-2008

Tonino indemoniato!!

Zio Silvio ma come sta messo questo?

Berlusconi non possiede televisioni!

Scandaloso intervento al Parlamento Europeo del deputato del Pdl Stefano Zappalà. Ohps, zio Silvio m’è scappata… Sono i condizionamenti di ‘sti comunisti sempre in agguato! Finalmente invece uno che dice come stanno le cose!

Video tratto da qui.

La riforma Gelmini è legge.

Con 162 voti a favore, 134 contrari e 3 astenuti il Senato ha approvato in via definitiva il decreto legge sulla scuola. Un voto accompagnato da un clima di tensione dentro e fuori l’aula di Palazzo Madama per il presidio degli studenti. Direbbe così un provetto giornalista no!!?

***

Ma pensare a risolvere il problema era cosa improponibile!!?

***

Col dilagare della deficienza senile che c’è in Italia direi proprio di sì!

***

E lo scherzo continua…

Il crack fra bugie e disinformazione

Dal Blog del giornalista Daniele Martinelli.

Non fa una piega… purtroppo!

Dal Blog di Daniele Martinelli un giornalista.