SKINHEAD

Skinhead e skingirl,

 questa è la mia faccia, e questo blog è quello che faccio quotidianamente da più di un anno nel tentativo di dare il mio contributo a chi crede nel sogno che un mondo migliore e una realtà possibile siano realizzabili; nel tentativo di far crescere le coscienze dal basso senza cercare qualcuno cui delegare le proprie aspirazioni e la propria felicità; nel tentativo di fare rete per il bene comune tra persone, culture, tecnologie utili e saperi antichi.

Questo blog è promotore e si propone di far conoscere e collaborare tra loro movimenti, associazioni e liberi individui che abbiano a cuore la pace, l’equità, la gioa di vivere, il sano divertimento fatto anche e soprattutto di burle e risate, nonché la capacità di relazionarsi democraticamente.

Questo blog nasce per realizzare le mie passioni, i miei ideali ed i miei sogni condivisibili quali: fare il comico e lo scrittore, dare spazio all’arte, trovare persone con cui costruire un Ecovillaggio.

Questo blog è a favore della gioia, dell’allegria, della cordialità, della fantasia, della libertà, della socialità, dell’utopia, dell’ecologia, della natura e dell’essere umano, del piccolo, del locale e dell’artigianale.

Tramite il contributo (anche) di questo blog abbiamo creato un GAS Gruppo d’acquisto solidale, nulla di pazzesco o pauroso, solo persone che consociano la spesa: acquistiamo il più vicino possibile a casa, il più sano possibile (biologico), direttamente dal produttore al consumatore, riducendo traffico, trasporti e imballi. Risparmiando noi acquirenti e facendo guadagnare di più al produttore, filiera corta. Sempre tramite il contributo di questo blog stiamo organizzando un corso di autoproduzione, per imparare a farci le cose ed apprezzare il gusto di farle! Visti i tempi che corrono è bene tornare a sapersi produrre beni e non restare in balia della mercificazione di tutto. Tramite questo blog ho organizzato un laboratorio di gioco per adulti: Gioca che ti passa! Ti invito a partecipare visto che mi pari un po’ giù di corda… Se ti affezioni e ti iscrivi alla newsletter ti informo anche quando facciamo spettacoli divertenti dalle tue parti!

Questo blog non è bacatamente schierato ideologicamente a sinistra, né tanto meno a destra, questo blog è a favore del buon senso, di paradigmi culturali e azioni pratiche che ci liberino dall’italica diatriba tra don Camillo e Peppone che tiene in stallo coscienze sopite, geniali intelletti e una penisola dalle meravigliose risorse.

Questo blog è a favore, sostiene e divulga idee e operato de: Associazione dei Comuni Virtuosi, Movimento della Decrescita Felice, Movimento della Transizione, Libera Università di Alcatraz, Banca etica, Banca del tempo, Rete GAS, AIAB Associazione Italiana per l’Agricoltura biologica, e tutte quelle realtà che operano a favore dell’ambiente e della convivialità tra popoli e terra. Questo blog si propone di passare dal PIL al BIL (Benessere Interno Lordo) divulgando e creando i presupposti pratici per realizzare ecovillaggi, consorzi editoriali, centrali fotovoltaiche partecipate, orti sinergici sociali.

Questo blog è contro: colonialismo (ha fatto più morti e schiavi delle dittature del ventesimo secolo), consumismo, capitalismo, PIL crescita economica illimitata (non è possibile il pianeta terra è un sistema finito), abuso della propietà privata a scapito della “cosa comune”, fascismo, nazismo, antisemitismo, razzismo, xenofobia, intolleranza, discriminazione, guerra, armamenti, nucleare, speculazione finanziaria, multinazionali del dolore, fabbriche lager nel sud del mondo,  mafia, camorra, ‘ndrangheta e tutte le mafie.

E tu mi scrivi che mi vuoi legare le gambe intorno al collo!!? Tu a me!!? Tu mi imponi di cancellare le foto dei miei cari e di togliere ogni riferimento che ti faccia raggiungere me e soprattutto la mia famiglia!!?

Volevi farmi paura? Ci sei riuscito! Mi hai indotto a rimuovere di corsa ogni link, ma mentre lo facevo mi montava la rabbia, perché tu non hai nessun diritto di farmi paura! A nome di chi e cosa parli? Cosa vuoi? Io ti ho spiegato cosa faccio e lo ritengo ammirevole (sia farlo che spiegartelo), conosco belle persone e sto bene, tu cosa cerchi!!? Questo mondo ce lo dobbiamo vivere e dividere insieme, ma tu come vuoi stare al mondo? Minacciando di spaccar grugni con la roncola?

Questo blog è uno spazio aperto al dialogo, anche acceso, ma non all’insulto e alla minaccia. Sei capace di farlo?

Non mi piacciono i classici finali all’italiana “Tarallucci e vino” quindi: mi dissocio da tutto ciò che hai scritto, sappi che mi sto tutelando a termini di legge.

 

Annunci

Perchè nel Nostro Piccolo Dovremmo Urlare

***

Crazymonkey696  è il ragazzo che ha montato il video.

Modena City Ramblers sono i ragazzi che hanno composto e suonato la canzone.

I 100 Passi è il film che ha ispirato canzone e video.

Peppino Impastato è il ragazzo morto per mano della mafia.

***

Non fa una piega… purtroppo!

Dal Blog di Daniele Martinelli un giornalista.

Il pizzo dello zio Silvio…

Sti cazzi di giustizialisti zio Silvio fanno proprio sul serio… Aiuto!

Anno Zero, IL DIVO

 

Ormai mi sono fissato che in chiusura, dopo le vignette di Vauro, viene il mio pezzo:

 

“Sostanziale incompatibilità”.

Ciancimino.

Orlando, Leo Luca,

rottura con Falcone.

Ambrosoli, non quello del miele,

“i pericoli precisi non erano messi a fuoco”.

Andreotti, Giulio,

“un esempio straordinariamente luminoso”,

non Giulio, Andreotti, ma Ambrosoli, non quello del miele.

Il bene comune.

Wiliam Arico, il sicario di Ambrosoli su richiesta di Sindona.

Sorrentino ne fa un film,

un grottesco molto verosimile.

I ministri della P2, o per atti o per omissioni.

Le prigioni delle BR, “un rimorso lancinante”.

La storia, chi la sa la storia?

La storia è un ricordo di fantasia,

a te la tua a me la mia,

tra mezze verità e finte bugie,

“quello che conta è esistere”.

“Il Sifar? Cos’è?”

Dice Giulio Andreotti, Presidente del Consiglio dei Ministri…

Ciro Cirillo,

trattano Mafia e DC.

Lo Stato sta per Sindona.

“Il PCI salva Andreotti nel 1984”.

Un uomo del dialogo Andreotti, Giulio, dialogava con tutti…

Tutto era molto intricato,

“ma forse sì…”

Antilope Robkin, l’uomo degli omissis,

“Fanfani, Moro, Andreotti, personaggi che si cimentarono con una complessità…

…nell’esercizio troppo duro del potere”.

Martelli, falci, garofani, scudo crociato.

Prescrizione, assolto per avere commesso il fatto.

“Vorrei capire di più, forse Mafia è poco”.

La scorta,

Sorrentino, “IL DIVO”

i morti per la verità…

tutti morti.

Guerra fredda,

“il male usato a fin di bene”.

Delitto Mattarella.

“E’ una sentenza, non una mia opinione”.

La morte come ultima assoluzione.

Andreotti Giulio, il divo?

La verità Andreottiana, come disse un famoso comico, è custodita nella scatola nera sulle spalle dello stesso Giulio, Andreotti…