GESU’ AMAVA LE DONNE E NON ERA BIONDO

Te la ricordi la petizione per sciogliere nell’acido ALLEGRIA la cultura del dolore?

Ecco, questo è un gran bel libro a tema, pieno di fonti e menzioni inedite per la cultura vigente. Clicca sull’immagine per leggerne un estratto.

Il primo miracolo di Gesù fu trasformare l’acqua in vino alle nozze di Cana. Che cosa poteva fare di più perché fosse chiaro che il suo era un messaggio di gioia? La scoperta di alcuni antichi testi, nascosti in vasi sigillati seppelliti nella sabbia, è la conferma che la storia di Gesù è stata vergognosamente falsificata!

Buon lunedì dell’Angelo Cristiano a tutte le anime Sante

http://www.youtube.com/watch?v=UzgwF1bTDcQ

La canzone “Padre nostro” è degli “Oro”.

********

Da “Il semplice oblio” di Silvano Agosti. Inizia qui.

 

La fiaba dolce del bimbo confortato dal bue e dall’asino, figlio di povera gente, che poco a poco scala la montagna dei secoli fino a divenire Dio in persona, troverebbe qui, nella realtà, fuori dal territoriomisterioso della fede, solo riscontri miseri e deludenti.

Ma non è questoilsenso del mio viaggio. Nulla di questo che vedo mi delude, perché a qualsiasi sentimento religioso preferisco anteporre e tener vivo in me il senso del mistero.

Il mistero che veste e rende prezioso qualsiasi essere, anche il più abbietto, il mistero che nobilita e veste ogni cosa.

Chi ama il mistero vuole soltanto che rimanga isondabile e incomprensibile, incomparabile e indecifrabile, immenso.

Davvero lo sento pulsare ininterrottamente in ogni cosa, il mistero ora che, da solo, vago nel mondo.

Sospetto avesse ragione il monaco greco quando, pocoprima che mi congedassi da lui, alzando la mano destra con l’indice puntato verso l’alto ha detto “Ricordati, le religioni sono forse solo un modo per togliere all’uomo la responsabilità di essere divino”.

Ora avverto in tutta la sua vastità il sentimento d’amore che mi lega al mondo, che m’impedirà di valutare gli esseri umani solo per il comportamento o solo per la loro esteiorità.

Ho compiuto da poco ventun anni, proprio davanti al monte Olimpo e, ora, di fronte al sepolcro attribuito a Cristo, avverto tutta la gracilità del pensiero ebraico occidentale rispetto alla vastità del pensiero greco.

Nella disumanizzazione della divinità, il monoteismo giudaico-cristiano, proprio come Maometto nell’Islam, ha fissato per sempre la sottomissione degli uomini a Dio e conseguentemente dello sciavo al padrone.

La manovra è perfetta. Sottomettiamo il genere umano a Dio e mettiamo il potere (sia pur religioso) a rappresentare dio sulla terra, così, chi crederà in dio sarà di sua volontà sottomesso al potere (sia purreligioso).

Ulisse, spesso vincendo, osava sfidare dei e semidei, il cristiano tutt’al più puo’ trasgredire, peccando nella solitudine e nella vergogna, per poi andare dal sacerdote a chiedere perdono.

All’origine nella figura del Cristo, geniale nomade del pensiero umano, si celebrava la divinazione dell’uomo, tuttavia questa divinazione di un uomo qualsiasi, non nobile, non ricco, non potente, poteva risultare pericolosa, inadatta a legittimare ogni forma di potere dell’uomo sull’uomo.

Era dunque fondamentale capovolgere tutto, interpretando la vicenda di Cristo, non come la divinazione dell’uomo, ma come l’umanizzazione del Dio.

Così, un umile contadino di Nazareth, coi suoi messaggi di riscatto e liberazione per tutti i sotomessi, viene mandato in esilio sul trono della regalità divina, fino a diventare il simbolo dell’Autorià assoluta, e anche oggi, in tempi ormai repubblicani, per la salvezza degli uomini il Cristo-Dio rimane un monarca assoluto.

“Padre nostro che sei nei cieli, venga il tuo regno…”

“Caro Geù Cristo, ti hanno fatto risorgere e diventare Dio, pur di non allontanare il tuo esempio dagli uomini.”

Che fare?

Il solo gesto che mi trovo a desiderare di compiere è infilare nella fessura tra il coperchio e il sepolcro di Cristo, una fotografia di mio padre con questo scritto.

“Caro ppà,

 quello che hai scoperto suli esseri umani, cioé che il loro destino si preordina a loro insaputa durante la gravidanza, è presumibilmente vero e spiega la loro rassegnata sottomissione a chi li opprime.

Tutti sembrano infatti accettare di vivere una vita che non è la loro e che, come tu sostieni, si trovano non a scegliere ma a subire.

A parte Cristo e pochi altri, che ome lui hanno pagato la loro diversità con la vita, nessuno è mai sfuggito al tuo “teorema”.

Anch’io, come loro, voglio sfuggire a un destino preordinato, succeda quel che suceda, e così sia.

Tuttavia, diversamente da Gesù, Gandhi, Luther King, Socrate e pochi altri, non voglio in alcun modo pagare con la vita la scelta di essere me stesso.

L’ultima fotografia che ti rappresenta la metto nel sepolcro di Cristo e spero che questo gesto mi tolga dalla mente l’ossessione di volerti trovare a ogni costo.

Voglio dirti, comunque, caro papà, che qui, davanti al sepolcro più famoso di tutti i tempi, simbolicamente vuoto, ho incominciato a intuire che il tuo allontanamento da me e dalla mamma non sia stato poi tanto arbitrario. Tuo figlio.”

Buona Pasqua Cristiana a tutte le anime Sante

http://www.youtube.com/watch?v=CKtCkOzZIn8

La canzone “Believe” è dei “Savatage”.

********

Il viaggio è scoperta, vi regalo questa lettura piena di scoperte, a tema con la ricorrenza odierna.

Da “Il semplice oblio” di Silvano Agosti.

Micro contestualizzazione: il giovane protagonista diciassettenne è partito di casa alla ricerca del padre che anni prima senza dire nulla lasciò il figlio e la moglie alla loro storia, al loro destino. Dopo aver vagato per mezza Europa arriva in medio oriente.

 

Damasco

A Damasco incontro nelle strade solo cavalli, cammelli e automobili, quasi tutte “Mercedes”. Ogni tanto s’intravede qualche europeo, vestito all’occidentale che tra tutti questi barracani e abiti avvolgenti, sembra nudo.

Tutti i greci oltre i vent’anni hanno i baffi, tutti gli arabi oltre i trent’anni hanno la barba e tengono in mano una coroncina gialla, che fanno roteare in giri lenti e sgranano come fosse un rosario.

Un sacerdote comboniano m’invita a pranzo presso la sua congregazione.

Insalata fresca e costolette di pecora alla brace. Un pranzo vero e proprio.

Mi chiede mille “perché” e si stupisce della mia caparbietà nella ricerca del padre.

“Forse è più importante che trovi te stesso, più che continuare a cercare qualcuno che neppure ti vuole.

Più che una necessità la tua, si direbbe quasi una vendetta.

Lo vuoi scovare per dimostrare che tu,come figlio, vali molto più di lui come padre.

Forse se lo lasci in pace, prima o poi sarà lui a cercarti.”

“Lo dice anche mia madre, ma ormai sono nove ani che mio padre tace e si nasconde.”

Il padre comboniano è molto intelligente, parla sette lingue tra cui l’arabo e alcuni dialetti. Ha tradotto le poesie di un poeta analfabeta, di Damasco, che gli ha detteto i suoi versi a memoria.

“Qui l’ombra è una seconda luce

che sdoppia tutto ciò che vedo,

così l’ombra di una rosa

è una rosa più leggera.”

Mi porta a visitare una basilica completamente immersa nell’acqua.

Giriamo il perimetro delle mura afrescate muovendoci su una barca. Sul fondo s’intravedonoi mosaici del pavimento ingigantiti dallo spessore dell’acqua. In un silenzio di secoli il fruscìo della barca sembra un sussurro musicale, portato dal vento.

“Perché l’acqua è rossa?”

E’ frutto di una leggenda.

I turchi avevano assediato Damasco e interrotto ogni possibilità di rifornimento. La città era allo stremo, nell’attesa disperata dell’esrcito egiziano in marcia per portare soccorso agli assediati.

Un bambino di nove anni, per dissetare la sorellina che piangeva con le labbra riarse dalla sete, si era fatto un taglio nella mano e le aveva offerto il suo sangue.

La bambina si era quietata, ma il sangue continuava a sgorgare dalla mano del fratell e il bambino, impaurito, era entrato nella basilica per pregare dio che fermasse il sangue.

E proprio in risposta alla preghiera, la basilica si era riempita di acqua che, mischiandosi col sangue del ragazzo, si era tinta di rosso.

Tutta la città assediata aveva potuto finalmente dissetarsi e resistere all’assedio dei turchi, fino all’arrivo degli eserciti egiziani.

Da allora, dopo oltre sette secoli, nella basilica l’acqua sgorga ancora di color rosso per ricordare la leggenda.

Poi il sacerdote mi porta a visitare la Moschea degli Ommayadi, dove c’è la tomba di Giovanni Battista, il profeta che Erode ha fatto decapitare il cambio di una notte d’amore con la piccola Salomé.

Dopo la danza dei sette veli, la tredicenne si presenta nuda a Erode e la sua bellezza è così splendente che il re le chiede che dono vuole per accettare di darsi a lui. Qualsiasi cosa.

“La testa del Battista”suggerisce la madre.

Il padre comboniano racconta la storia nei minimi particolari.

La testa del profeta fu portata, come si sa, a Salomé su un vassoio d’argento.

Per volontà della piccola danzatrice, la testa viene messa nella camera da letto regale, perché il santo venga costretto ad assistere alla notte d’amore di Salomé con il re Erode.

Ma ecco il miracolo: a causa di un incontenibile sdegno e pur di non assistere all’amplesso d’amore tra il re e la bambina, la testa, attraverso la finestra, rotola via dalla stanza da letto in Gerusalemme e se ne va a Damasco.

“E’ arrivata proprio qui, vedi? Nel cenotafio detto appunto di San Giovanni Battista” mormora il sacerdote “dove è stata sepolta e da allora giace in pace.”

“Quanto dista Damasco da Gerusalemme?”

“Più di trecento chilometri.”

Guardavo la tomba del profeta e cercavo di immaginare il tragitto che la testa aveva compiuto rotolando tra le vie, i campi, i fiumi, le vaste zone desertiche, fino a fermarsi misteriosamente qui a Damasco, in questo spazio consacrato.

La moschea era stata edificata verso il sesto secolo sulle fondamenta di un tempio cristiano, che a sua volta era stato costruito sulle strutture di un tempio dedicato a Giove.

Da Giove a Gesù, da Gesù ad Allah. Onde e riflussi nel vasto mare della fede.

Dal minaretto di Oayt bey una voce lamentosa canta le preghiere della sera e dell’altro minaretto, detto “della Sposa” un’altra voce ancor più lamentosa risponde a intervalli di silenzio.

E dal terzo detto “minareto bianco” o “di Gesù” uno strumento simile a un flauto intona una musica flessuosa, leggera come una brezza matutina.

In questo viaggio mi sento trascinato da una mano invisibile, verso una meta precisa, che tuttavia non conosco.

L’idea di trovare mio padre mi possiede ancora, anche se il mondo, man mano che mi si rivela, tende a sbiadire i sentimenti relativi, per dar vita a emozioni più vaste.

Ora sono attratto dal mondo arabo, con la sua cultura così particolare e inaccessibile.

Ieri ho viaggiato per la prima volta su un dromedario.

Dalla periferia di Damasco fino alla grande strada che conduce in Giordania.

La prima sensazione era che l’animale soffrisse a causa del mio peso, ma il cammelliere, che parla un francese perfetto perché ha studiato a Parigi, mi ha spiegato che il dromedario può caricare senza fatica fino a tre quintali e che portare me è come per una donna tenere in braccio un neonato.

Il cammelliere dice che in Giordania posso mangiare qualiasi cosa mi offrano, ma non devo bere acqua, mai, solo “ciai”, solo thé.

Il “ciai” è un thé nerastro piuttosto aspro e va bevuto in piccolissime quantità, perché è molto eccitante.

Il cammelliere sostiene che è meglio se dormo sui camion o comunque non per terra, per via degli scorpioni giganti.

Gli ho detto che ho visto un saco di gente dormire per terra, tranquilla.

“Per noi è diverso, l’odore del nostro corpo, tiene lontani gli scorpioni, ma tu sei burro e miele, se dormi per terra gli scorpioni ti mangiano in un boccone.”

Ha fatto una gran risata e mi ha aiutato a scendere dal dromedario.

In due giorni sono arrivato a Gerusalemme.

Il centro del mondo occidentale.

La città è divisa in due parti, araba ed ebrea.

Alcuni muratori italiani stanno restaurando la moschea di Omar. M’invitano a mangiare una pastasciutta.

Hanno fatto arrivare pasta e formaggio in aereo dall’Italia.

La moschea ha la upola ricoperta d’oro zecchino.

Il sole, quando cala a picco, sembra incendiarla.

Ora cammino nel Sinedrio, un cortile, piuttosto comune, dove si dice Pilato abbia decretato la sorte di Cristo.

Proprio lì in quell’angolo della loggiail burocrate Pilato si è lavato le mani, consegnando un innocente ai carnefici.

La “folla”, anche se riempiva questo cortile, non poteva comunque superare una trentina di persone.

Dunque il destino di Gesù Cristo e di tutto l’Occidente è stato determinato dall’aggressività sfrenata di poche decine di esseri umani, probabilmente prezzolati.

E ancor più sconcertante appare il fatto che dal Sinedrio al Golgota, la pendenza della strada è quasi inesistente e misura solo poche centinaia di metri.

E poi nella basilica il santo sepolcro, si trova a qualche a qualche metro dal buco della croce.

In una grotta la superficie del sepolcro è divisa in molti quadrati, ognuno dei quali ospita una diversa professione religiosa, formando così vari altari.

Insomma, un luogo di fede.

ede purissima, in quanto nessuno dei luoghi “sacri” corrisponde minimamente alle descrizioni dei testi e comunque nessuno di essi esprime una qualche solennità.

La fiaba dolce del bimbo confortato dal bue e dall’asino, figlio di povera gente, che poco a poco scala la montagna dei secoli fino a divenire Dio in persona, troverebbe qui, nella realtà, fuori dal territorio misterioso della fede, solo…

A DOMANI, BUONA PASQUA! E NON MOLESTATE TROPPO GLI AGNELLI… LE UOVA SI’, QUELLE DICONO CADREBBERO UGUALMENTE DALLA GALLINA.